martedì, Giugno 25, 2024
News

Il Presidente Michele Gesualdi ha invitato Roberto Benigni a visitare il Sentiero della Costituzione a Barbiana

13/12/2012

Caro Benigni,

 

abbiamo letto che il 17 dicembre parlerà alla tv dell’importanza e della bellezza della Costituzione Italiana.

Con il suo vivacissimo ed efficacissimo modo di comunicare riuscirà sicuramente a mettere nel giusto risalto l’importanza che hanno i valori della Costituzione a sostegno del bene collettivo.

Questo è ancora più importante in un periodo, come quello che stiamo attraversando, in cui spesso l’agire sociale e politico è mosso più dall’interesse individuale che non da quello collettivo, senza che questo generi il più piccolo germoglio della vergogna.

Nella scuola di don Lorenzo Milani la Costituzione era amata e studiata. L’affermazione: sortirne insieme è la politica, sortirne da soli è l’avarizia. E’ una sintesi molto efficace del valore della solidarietà e della giustizia sociale prevista dagli articoli della Costituzione.

Quella scuola vedeva nella Costituzione italiana non solo la legge fondamentale dello Stato ma  il punto di equilibrio sociale per la costruzione di una società nuova e diversa  basata sulla solidarietà e giustizia sociale. Valori che restano la bussola per non smarrirsi, guida del futuro cammino nella società dei giovani.

Barbiana rappresenta un punto di riferimento che oggi si ripropone con il sentiero della Costituzione.

Si tratta di un grande libro di strada permanente le cui pagine sono state realizzate con 45 bacheche contenenti gli articoli della Costituzione Italiana illustrati dai disegni dei ragazzi di alcune scuole  che lungo il sentiero salgono fino all’ingresso della scuola di Barbiana.

Il percorso scelto è lo stesso che fece don Lorenzo Milani a piedi la prima volta che arrivò a Barbiana quando ancora non c’èra la strada transitabile.

Barbiana si trova su Monte Giovi che fu rifugio dei primi movimenti della resistenza fiorentina. Su questo sentiero oggi si incontrano simbolicamente la resistenza partigiana che diede vita alla Costituzione e la resistenza morale di don Lorenzo Milani.

Quel sentiero è percorso ogni anno da migliaia di visitatori: scolaresche, gruppi parrocchiali, associazioni sociali e culturali, famiglie e singole persone. Sarebbe bello se anche lei trovasse il tempo per venire a percorrerlo e respirare l’aria speciale che  dona quella salita nel bosco.

Se verrà l’ accompagneremo volentieri e poichè su quel sentiero si incrocia anche il cimitero dove è sepolto don Lorenzo, potrà essere l’occasione per deporre un fiore sulla sua tomba.

Spero proprio che vorrà accogliere l’invito e la salutiamo cordialmente.

 

Michele Gesualdi

 

Firenze 13 dicembre 2012