giovedì, Maggio 30, 2024
In EvidenzaNews

Barbiana chiude le porte, ma non la mente ed il cuore

La scuola di Barbiana chiude temporaneamente

L’espandersi della diffusione dei contagiati dal Covid-19 induce la Fondazione don Lorenzo Milani a chiudere temporaneamente le porte della Scuola di Barbiana. Dovremo quindi, dopo una temporanea riapertura, non accettare più le richieste di visita. È una scelta dovuta alla normativa, ma soprattutto è un atto di responsabilità e di consapevolezza delle conseguenze politiche, economiche, sociali, ecologiche nazionali e planetarie che la pandemia porta con sé, aggravando le condizioni di disuguaglianza già gravemente presenti nel nostro mondo.

Continuano le attività della Fondazione

La Fondazione don Lorenzo Milani farà ogni sforzo per non entrare in letargo in attesa di stagioni migliori. Ci stiamo attrezzando per aggiornare e migliorare il nostro sito e per renderlo sempre più strumento di dialogo con i nostri associati, con gli insegnanti, con gli studenti e con quanti, partendo dall’insegnamento di don Milani, vedono in esso le fonti rigenerative anche del futuro. Vorremmo usare le opportunità offerte dalle nuove tecnologie per continuare quel dialogo da molti anni già intrapreso, per riaccenderlo nella concretezza quando saranno nuovamente possibili le visite a Barbiana, silenziosa fonte alla quale attingere per alimentare il sogno di un mondo nuovo.

Verso un’etica della responsabilità universale

Bisogna cambiare strada, questo soprattutto ci insegna questa crisi che è crisi non solo sanitaria. Approfittiamo dell’isolamento e del silenzio per riflettere sul nostro modello di vita, sui valori che sono stati alla base di un mondo sbagliato, sulla nostra relazione con il mondo e la natura. Il post-coronavirus sarà inquietante quanto la crisi pandemica. Molti condividono che il domani non sarà più quello di ieri. Ma quale sarà? La crisi potrà portare alla disgregazione della nostra società, ma potrà anche, se lo vorremo, insegnarci che tutti gli uomini fanno parte di una comunità di destino intimamente connessa con una rigenerazione politica fondata sulla giustizia, sull’uguaglianza effettiva di tutti gli uomini, sulla consapevolezza di una ecologia integrale e sull’umanizzazione delle società.

Già nella lettera a Pipetta il nostro priore ci metteva in avviso che sono sempre in agguato nuove carenze politiche, economiche, sociali e nuove povertà. Non dovremmo farci trovare impreparati, come le vergini stolte della parabola evangelica. Solo il pensiero critico e la consapevolezza che ciascuno fa parte di un sistema complesso che ci lega agli altri, alla società e al mondo può generare una nuova etica della responsabilità universale.

L’impegno della Fondazione per le scuole

È questo il senso del nostro I care che campeggia nella scuola di Barbiana. Questo è il compito primario della scuola. Di questo vorremmo riflettere, ascoltandoci reciprocamente. Di questo vorremmo parlare con i docenti, gli studenti e le loro famiglie attraverso momenti di approfondimento svolti in videoconferenza di cui daremo informazione sia sui temi che affronteremo sia sui tempi di svolgimento e le modalità di partecipazione.